Re Abdullah II di Giordania era presente ai colloqui sulla pace israelo-palestinese svoltasi a Washington.
Il re ha avvertito il primo ministro israeliano, Benjamin Netanyahu, e il presidente palestinese, Mahmoud Abbas, che la mancata presentazione di pace sarebbe una vittoria per i terroristi.

U.S. President Barack Obama (R) looks on as Jordan's King Abdullah II makes a statement on Middle East Peace talks, in the East Room of the White House in Washington September 1, 2010. REUTERS/Jason Reed (UNITED STATES - Tags: POLITICS ROYALS)


Tutti gli occhi sono su di noi, ha detto Abdullah, e ha elogiato il presidente Barack Obama per come organizza l'incontro da "mediatore e partner onesto."

"Risolvere il conflitto israelo-palestinese basato sulla soluzione a 2 stati è la chiave per la pace a livello regionale che conduce a relazioni normali tra Israele e le 57 nazioni arabe e musulmane che hanno approvato l'iniziativa di pace araba," ha detto il Re prima della riunione.

Egli ha anche sottolineato la necessità di "non risparmiare alcuno sforzo per affrontare tutte le questioni sullo status finale, al fine di giungere alla soluzione dei due stati".

Il re ha aggiunto che la soluzione a due Stati è "l'unica soluzione che garantisce gli interessi di tutti e l'unica soluzione che può creare un futuro degno della nostra grande regione, un futuro di pace, in cui padri e le madri possono allevare i figli senza paura, dove i giovani possono guardare avanti a una vita di successo e di speranza e 300 milioni di persone possono collaborare per il reciproco vantaggio ".

Il prezzo del fallimento, il re Abdullah ha avvertito, sarà troppo alto per tutti.

Ha anche detto, "La pace è anche un diritto per ogni cittadino nella nostra regione e per troppo tempo alle persone della regione sono stati negati la loro sicurezza e i più elementari diritti umani di vivere in pace e dignità".

Il re ha aggiunto: "I nostri popoli vogliono la pace, e possiamo farlo se ci avviciniamo questi negoziati con buona volontà, sincerità e coraggio".

Link
The Jordan Times