Articoli in evidenza:

domenica, ottobre 30, 2011

Nuovo erede al trono della Arabia Saudita

Il principe Nayef bin Abdul-Aziz al Saud è il nuovo erede al trono della monarchia saudita, che succede al fratello, il principe Sultan morto la settimana scorsa negli Stati Uniti per un tumore.

Il Principe Nayef, attuale vicepremier e ministro dell'Interno, è stato designato dal re Abdullah, suo fratellastro, al termine di una riunione del Consiglio di famiglia.

Il principe Nayef ben Abdel Aziz, pragmatico e nemico giurato del terrorismo, ha sempre goduto del favore degli Usa, che in lui vedono un fedele alleato in Medio Oriente.

VIDEO

Arabia Saudita: Nayef Ben Abdel Aziz nominato... di euronews-it

sabato, ottobre 29, 2011

Progetto "Mano tesa in Burundi" realizzato dalla fondazione del Granduca e della Granduchessa di Lussemburgo.

28 ottobre 2011

Nel suo viaggio in Burundi la granduchessa Maria Teresa aveva scoperto la vita dei bambini in carcere nella prigione centrale di Bujumbura.

"Ecco, ho visto una vera e propria violazione dei diritti dei bambini. Giovani di 10-15 anni si trovano in prigioni fatiscenti e sovraffollate, dove non c'è separazione di uomini, donne, bambini, neonati ... E tutto questo per crimini ridicoli, come rubare una capra o un ferro da stiro."


Sconvolta da queste immagini, la granduchessa promise di fare di tutto per aiutare questi bambini, e questa promessa è stata attuata attraverso il "Progetto Mano tesa", immaginato e fondato dal Granduca e dalla Granduchessa in collaborazione con la Maison Shalom, un'associazione locale fortemente coinvolta nella cura dei bambini svantaggiati. 

Dopo 18 mesi, la fondazione ha preparato una prima relazione del Progetto "Mano tesa in Burundi", ed i risultati sono positivi: finora sono stati rilasciati dalla prigione 159 minori, alcuni stanno imparando a diventare meccanici, muratori o carpentieri, altri sono tornati a scuola.

"L'obiettivo di questo progetto è quello di portare i bambini fuori dal circolo vizioso delle carceri, liberandoli fornendo un aiuto medico sociale e psicologico, e poi reinserendoli nella società locale, nella loro famiglia d'origine o in una casa adottiva", ha detto la granduchessa.

La fondazione offre anche piccoli prestiti ad alcuni giovani che vogliono creare un'attività dopo la loro formazione.

C'è ancora molto da fare, ma la Granduchessa si augura nei piani futuri di migliorare l'assistenza legale e sostegno ai minori rilasciati, ed anche di creare un centro di accoglienza per bambini in Burundi.

LINK
Le Quotidien

venerdì, ottobre 28, 2011

Le Nazioni del Commonwealth hanno deciso all'unanimità che le figlie femmine non saranno più discriminate in favore dei maschi, e che i futuri re potranno sposare donne cattoliche

28 ottobre 2011

Il Commonwealth, durante il vertice che si è svolto a Perth, in Australia, ha approvato le modifiche al regolamento di successione al trono del Regno Unito.

D’ora in poi le figlie femmine avranno gli stessi diritti dei maschi.
Questo significa che se il primo figlio di William e Catherine dovesse essere una femmina, sarebbe lei ad avere il diritto di accedere alla Corona d’Inghilterra, anche se ci fossero dei futuri fratelli maschi.

Finora la norma prevedeva che la Corona andasse al primo erede al trono maschio.

Le modifiche hanno anche annullato la norma che vietava al principe ereditario di sposare una donna cattolica anziché protestante.

"L’idea che un uomo possa diventare re solo perché è un maschio, o che un futuro re non possa sposare una donna cattolica, va contro la modernità dello Stato", ha detto il premier britannico David Cameron.

Buckingham Palace aveva già indicato la sua approvazione ai cambiamenti delle regole di successione al trono, e la Regina Elisabetta II ha detto di essere contenta che questo cambiamento sia avvenuto proprio durante il suo tour in Australia.

LINK
David Cameron declares an end to 'outdated' laws on succession

giovedì, ottobre 27, 2011

Sua Maestà il Re Abdullah II di Giordania ha aperto oggi la sessione ordinaria del Parlamento del regno.

26 ottobre 2011


La cerimonia è iniziata con 21 colpi di cannone per accogliere l'arrivo del re Abdullah al palazzo del parlamento di Amman, che era seguito dalla regina Rania e dal figlio, il principe ereditario Hussein.

Sua Maestà ha fatto il suo discorso davanti ai senatori ("Majlis al-Aayan") ed ai Deputati della Camera ("Majlis al-Nuwaab"), in presenza dei membri della famiglia reale, e dai funzionari del governo.

Sua Maestà il Re Abdullah ha sottolineato la necessità di continuare a rafforzare il processo democratico del regno per assicurare un futuro migliore per tutti i giordani e soddisfare le loro ambizioni di una nuova Giordania, basata sullo Stato di diritto e fondata sulla giustizia, l'uguaglianza, la libertà ed i diritti umani.

"Abbiamo bisogno di superare e correggere gli errori, e sostenere la meritocrazia e la responsabilità, che garantiscono l'equilibrio tra i rami del governo,"

LINK
Jordan Times

mercoledì, ottobre 26, 2011

Il re e la regina del Bhutan hanno fatto il loro primo viaggio all'estero, e sono arrivati ​​a Nuova Delhi per una visita di Stato in India di 9 giorni.

La coppia reale è stata ricevuta dal primo ministro indiano Manmohan Singh, prima di andare al memoriale di Gandhi.

Il re Jigme Khesar Namgyel Wangchuck e a regina Jetsun del Bhutan sono stati ricevuti da Sonia Gandhi, presidente del partito del Congresso nella sua residenza a Nuova Delhi.

Il re del Bhutan è un amico intimo di Rahul Gandhi, figlio del defunto Rajiv Gandhi e Sonia, che era presente al matrimonio del re.

LINK
New Queen in new role, with King for official meetings

Il presidente della Germania Wulff è in Giappone per celebrare i 150 anni delle relazioni tedesco-giapponese.

23-ottobre-2011


Il principe ereditario Naruhito ha incontrato il presidente tedesco Christian Wulff per festeggiare i 150 anni dell'amicizia tedesco-giapponese a Tokyo.

Il presidente Wulff ha piantato un albero nel parco Arisugawa Memorial, e ha visto il progetto di ricostruzione della Casa dei bambini di Fujinosono (danneggiata dallo tsunami).

Lunedì Wulff ha incontrato anche l'imperatore Akihito.

L'imperatore ha ringraziato Wulff per l'aiuto della Germania al Giappone dopo il terremoto e lo tsunami: "Vorrei esprimere la mia gratitudine al governo tedesco per aver aiutato in vari modi il Giappone."

L'imperatore ha aggiunto l'apprezzamento per la preoccupazione del presidente tedesco per i sopravvissuti del disastro.

L'imperatore e il presidente tedesco hanno pranzato al Palazzo Imperiale, con la presenza del principe ereditario Naruhito e di suo fratello minore il principe Akishino.

LINK
bundespraesident-wulff-bei-kaiser-akihito

martedì, ottobre 25, 2011

Nel giorno del suo 90° compleanno, Re Michele di Romania si è recato in Parlamento e ha tenuto un solenne discorso.

25 ottobre 2011
Di fronte ai parlamentari, Re Michele I ha detto che “le cose più importanti, oltre alla libertà e alla democrazia, sono l’identità e la dignità” e di avere "fede nella democrazia e nelle istituzioni".

Inoltre il Re di Romania ha invitato i politici a rafforzare la democrazia in Romania e ripristinare la dignità del paese, ed ha criticato il comportamento dei leader romeni negli ultimi 20 anni.

"Il mondo di domani - ha dichiarato - non può esistere senza la morale, senza la fede e senza la memoria. Cinismo, interessi ristretti e codardia non possono avere spazio nelle nostre vite perché ci ricordano degli anni precedenti al 1989".

Alcuni ministri e il presidente Basescu (un comportamento disgustoso che dimostra quanto possa essere dannoso un presidente della repubblica...) non hanno voluto partecipare alla sessione.

Il discorso di Re Michele è stato comunque applaudito da centinaia di deputati, alcuni dei quali hanno gridato: "Lunga vita al Re!".

Re Michele ha anche sottolineato che "la Corona non un simbolo del passato, ma è l'unica incarnazione della nostra indipendenza, sovranità e unità.
La Corona è un riflesso dello Stato nella sua continuità storica e nella evoluzione della Nazione.
La Corona ha consolidato la Romania attraverso la lealtà, il coraggio, il rispetto, l'onestà e la modestia"
.

VIDEO


Speriamo che tutti i romeni abbiano ascoltato le parole del Re, perché la Romania potrà rinascere solo ritornando ad essere una Monarchia !

LINK
The speech of His Majesty King Michael I

lunedì, ottobre 24, 2011

Sulle rive del Mar Morto, il Re di Giordania Abdullah II ha aperto il "Word Economic Forum 2011", dedicato al Medio Oriente.

22 ottobre 2011

Nel suo discorso di apertura, Sua Maestà ha parlato della necessità di diminuire la disoccupazione nella regione, e anche lui messo in evidenza la primavera araba.

"Gli eventi di quest'anno hanno aperto la strada al cambiamento positivo, ma in molti luoghi, ha creato anche dolorose dislocazioni economiche.
Sono necessarie delle strategie nella economia, nella politica, nella vita sociale e nei valori culturali ".


Re Abdullah ha inoltre discusso la necessità di un Stato palestinese e l'accettazione di Israele come l'unica via per la pace e la stabilità nella regione.

Al termine del suo discorso, il re ha fatto le sue condoglianze al Re dell'Arabia Saudita Abdullah bin Abdulaziz, per la morte del principe ereditario Sultan.

In prima fila ad ascoltare il suo discorso c'erano la regina Rania e il Re di Spagna Juan Carlos.
Il re di Spagna è in Giordania per alcuni giorni, ospite di Re Abdullah II.

Durante il 2° giorno del Forum Economico la Regina Rania ha invitato i giovani arabi a imparare le abilità imprenditoriali, piuttosto che contare sul governo per risolvere la disoccupazione giovanile del Medio Oriente.

Questo Forum era originariamente previsto per il mese di febbraio, ma a causa delle rivolte e proteste in Medio Oriente, è stato riprogrammato per il mese di ottobre.

LINK
Three young innovators win King Abdullah II Award

Re Carlo Gustavo e la Regina Silvia di Svezia sono a New York.

21-Ottobre-2011


Re Carlo Gustavo XVI e la regina Silvia hanno incontrato il Segretario Generale dell'ONU Ban Ki-moon, e sua moglie Yoo Soon-taek, presso la sede delle Nazioni Unite di New York, che attualmente è in fase di ristrutturazione.

In seguito il re e la regina si sono incontrati con la delegazione svedese delle Nazioni Unite.

Più tardi, Re Carlo Gustavo XVI e la Regina Silvia, insieme con la principessa Maddalena (che vive a New York) hanno partecipato alla festa organizzata per l'Anniversario del Centenario della Fondazione americana-scandinava, dove il re ha tenuto un discorso.
La Fondazione americana-scandinava è un’organizzazione senza fine di lucro il cui obiettivo è intraprendere rapporti culturali ed educativi fra gli Stati Uniti e i paesi nordici d'Europa.

LINK
UN / KING CARL XVI GUSTAF

sabato, ottobre 22, 2011

E' morto l'erede al trono dell'Arabia Saudita, il principe Sultan bin Abdul Aziz Al Saud.

22 ottobre 2011

Il principe Sultan bin Abdulla Aziz Al Saud è morto in un ospedale di New York, era nato il 5 gennaio 1928, a Riyad, ed era il 15° figlio del Re Abudul Aziz e di sua madre principessa Hassa Al-Sudairi, e il fratellastro di re Abdallah.

Il principe, il primo nella linea di successione, è stato ministro della Difesa, e grande sostenitore dell'alleanza tra il suo Paese e gli Stati Uniti.

Il principe era dal mese di giugno negli Stati Uniti per esami medici e negli ultimi anni si era assentato dal suo paese diverse volte per motivi di salute.

Il comunicato del palazzo reale di Riad è il seguente: "Con profondo dolore il custode delle due Moschee sacre, re Abdullah bin Abdulaziz, piange la morte di suo fratello il principe della corona, spentosi questa mattina all'alba lontano dal regno, in seguito a una malattia". 

Il prossimo erede al trono, per la prima volta nella storia, sarà scelto da un Consiglio di fedeltà, creato nel 2006 con la riforma della legge di successione.
Il Consiglio è costituito da 35 principi e voterà a maggioranza. L'erede più probabile è il principe Nayef, 78 anni, ministro dell'Interno e secondo vice premier.

venerdì, ottobre 21, 2011

Ieri era il 77° complenno dell'imperatrice del Giappone Michiko.

20 ottobre

Michiko è nata a Tokyo il 20 ottobre 1934, ed è la consorte dell'attuale imperatore Akihito.

Michiko conobbe l'allora Principe della corona Akihito nell'agosto 1957 in un campo di Tennis a Karuizawa. Venne acconsentito il fidanzamento il 27 novembre 1958.

La coppia si è sposata il 10 aprile 1959 ed ha avuto tre figli: il Principe della corona Naruhito, il Principe Akishino e la Principessa Nori.

Alla morte dell'imperatore Shōwa (Hirohito) il 7 gennaio 1989, suo marito è diventato il 125º imperatore del Giappone e lei è diventata imperatrice consorte.


Auguri Altezza!!!

Il Principe Filippo e la principessa Matilde del Belgio sono attualmente in Cina per una missione economica accompagnati da una folta delegazione d'imprenditori belgi.

La delegazione rimarrà in Cina 9 giorni e visiterà 6 città: oltre Pechino e Shanghai, andrà a Tianjin, Chongqing, Guangzhou e Shenzhen.

Lo scopo del viaggio è quello di sostenere le esportazioni belghe e favorire la firma di nuovi contratti

Secondo il quotidiano belga online, RTL , questa è la 4° missione commerciale organizzata con la Cina.

Il ministro belga degli affari esteri, Steven Vanackere si augura che con questa missione economica si possano firmare almeno 40 nuovi contratti in vari settori.

A Pechino SAR il Principe Filippo ha incontrato il Vice Primo Ministro della Repubblica popolare cinese, Wang Qishan, mentre SAR la Principessa Matilde ha visitato la Dance Academy di Pechino.

LINK
Belgian trade mission in China

giovedì, ottobre 20, 2011

I Principi ereditari di Danimarca sono negli Stati Uniti d'America.

Dal 20 al 24 ottobre 2011


Il principe ereditario e la principessa ereditaria di Danimarca presentano il progetto ufficiale promozionale "Per una vita creativa e sana" a New York, nonché la sostenibilità nei settori del design, architettura e gastronomia.

La coppia reale danese toccherà diverse città, Boston, New York, New Jersey.

Il Principe Federico di Danimarca ha partecipa al Simposio "Connected Health", dove sono state presentate le competenze e le soluzioni della Sanità danese, ampiamente digitalizzate, in grado di ridurre gli sprechi degli Stati Uniti.

Il Principe ereditario ha poi visitato l'Università di Harvard, dove aveva studiato da giovane, e si è incontrato con i professori.

Nel frattempo la principessa si è incontrata con i responsabili dell'UNFPA (Fondo delle Nazioni Unite per la Popolazione) che promuove il diritto di tutte le persone di godere di una vita sana e di avere le pari opportunità.

LINK royal visit nyc

Il Granduca ereditario del Lussemburgo Guillaume è in missione economica in Cina dal 17-21 ottobre.


A Shenzhen Guillaume, accompagnato dal ministro lussemburghese dell'economia e del commercio estero e dalla delegazione composta da molte società lussemburghese, ha visitato il quartier generale di Huawei Technologies, il secondo maggiore fornitore di beni mobili strumentali di telecomunicazione nel mondo.

In seguito ha visitato la BYD, una casa automobilistica specializzata in veicoli ad alimentazione elettrica, per avere ulteriori informazioni sull'argomento.

Il granduca è anche andato a Chongqing, dove la delegazione trascorrerà i prossimi due giorni.

Galleria di foto
Altre immagini delle attività della missione economica in Cina si possono trovare sul sito ufficiale

mercoledì, ottobre 19, 2011

La Regina Elisabetta II e il Principe Filippo sono arrivati in Australia per una visita di 11 giorni.

19 ottobre 2011

La Regina Elisabetta II e suo marito, il principe Filippo, sono arrivati alla base aerea di Canberra e sono stati accolti da una grandi folle sventolando la bandiere australiane.

Il primo ministro Julia Gillard e il governatore generale Quentin Bryce hanno accolto ufficialmente la coppia reale, seguiti da 21 colpi di cannone a salve e dall'inno reale.

C'è ironia nel vedere Gillard accogliere la Regina, visto che il Primo Ministro ha sempre detto di voler far diventare l'Australia una repubblica....

Prima che la Regina arrivasse, Gillard ha detto ai giornalisti :
"Credo che lei sia molto rispettata dagli australiani e penso che riceverà un caloroso benvenuto appena Lei metterà piede sul suolo australiano".
Gillard, davanti a Sua Maestà, ha chinato il capo.

La Regina ha ricevuto un bouquet dalla 64enne Margaret Cunningham, che nel 1954, all'età di 6 anni, offrì dei fiori alla sovrana.

Nonostante gli sforzi dei repubblicani, gli australiani conservano un forte affetto verso la Regina e preferiscono la Monarchia.

Evidentemente le ambizioni dei repubblicani sono un sogno sempre più lontano.

VIDEO
Queen heads to flower show

La Regina Elisabetta II ha già visitato l'Australia 15 volte, e in attesa dell'imminente arrivo, ho trovato un video della prima visita, incominciata il 3 febbraio 1954.

Alla conclusione del viaggio, il primo ministro Robert Menzies disse (pubblicato in un articolo dal Sydney Morning Herald):

"E' proprio vero che alle volte non realizziamo quanto siamo legati alla nostra regina fino a quando dimostriamo i sentimenti più profondi e appassionati di lealtà e devozione. 
Non ci vuole molta immaginazione per capire che quando 8 milioni di persone spontaneamente dimostrano questa sentimento significa che si sono impegnati in un grande atto di fedeltà comune e la gioia comune di sentirsi più vicini e questo è uno degli elementi più potenti per trasformarli da una massa di individui ad una grande nazione coesa. 
In breve, la comune devozione al trono è il cemento di tutta la struttura sociale".




martedì, ottobre 18, 2011

La Regina Elisabetta II tra pochi giorni arriverà in Australia.

Quando la Regina arriverà in Australia - il protocollo dice che si dovrà chiamarla regina d'Australia - il repubblicanesimo australiano è al suo livello più basso.

Un sondaggio della scorsa settimana ha rivelato che il sostegno per la monarchia è salita al 55%, mentre per la repubblica è al 34%, il livello più basso in 23 anni.

I poveri repubblicani sono storditi dall'entusiasmo degli australiani per la 16° visita della Regina Elisabetta in Australia.

Il professor David Flint, organizzatore nazionale del movimento Australians for Constitutional Monarchy (ACM), ha dichiarato:
La magia della monarchia è ancora forte. Lo abbiamo visto al matrimonio reale e lo vedremo durante la visita reale. C'è grande affetto per la Regina..."

Inoltre Flint ha dichiarato che "c'è un forte sostegno al sistema esistente che incorpora la Corona.... e anche se non si comprende bene il ruolo della Corona, si ha la sensazione che la Corona è qualcosa al di fuori della politica e questo è importante perché si ha bisogno di controlli e contrappesi al potere."

L'Australia è una nazione di immigrati, dove una persona su quattro è nata all'estero, e il professor Flint è convinto che molti nuovi arrivati ​​si oppongono alla repubblica perché hanno visto l'abuso del potere presidenziale nei loro paesi d'origine.

Flint ha proprio ragione.
Infatti io sono diventato monarchico vedendo come si comporta la repubblica italiana !

LINK
Queen flies in to Australia as republicans fade out

Il Principe Eugenio di Savoia nacque a Parigi, il 18 ottobre 1663, e morì a Vienna, il 21 aprile 1736.

18 ottobre 1661

Eugenio, principe di Savoia-Carignano e conte di Soissons, militò giovanissimo al servizio degli Asburgo ed intraprese la carriera militare divenendo presto comandante dell'esercito imperiale.

È da molti considerato l'ultimo dei capitani di ventura; fu anche un abile riformatore dell'esercito austriaco, vero precursore della guerra moderna.

Conosciuto anche come il "Gran Capitano", combatté numerose battaglie, l'ultima a 72 anni.
Fu uno dei migliori strateghi del suo tempo e con le sue vittorie e la sua opera di politico assicurò agli Asburgo e all'Austria la possibilità di imporsi in Italia e nell'Europa centrale e orientale.
Nel 1706 guidò le truppe che liberarono Torino dall'assedio francese ed in seguito al successo fu nominato dall'Imperatore governatore del ducato di Milano. Poi fu governatore dei Paesi Bassi.
Eugenio era un amante delle arti e della lettura e la sua collezione di 15.000 volumi è tuttora conservata all'Hofburg.

La sua residenza ufficiale e il famoso Palazzo del Belvedere, una magnifica costruzione, connubio tra barocco italiano e mitteleuropeo, dove lui riceveva visite diplomatiche e manteneva rapporti epistolari con generali e regnanti di molti stati europei.

Il suo corpo fu tumulato nella cattedrale viennese di Santo Stefano, ed il cuore, per volere dei Savoia, nella cripta della Basilica di Superga.

lunedì, ottobre 17, 2011

Il Re di Giordania Abdallah II ha nominato un nuovo premier incaricato, l'ex giudice Awn Khasawne.

17 ottobre 2011

Dopo aver accettato le dimissioni di Maruf al Bakhit, Il Re ha chiamato a capo del governo Awn Khasawne, dicendo :
"Vi sto affidando a formare un nuovo governo per riformare e modernizzare il Paese".

Il re ha nominato inoltre il nuovo capo dei servizi di sicurezza, il generale Faysal Shubaki, che prende il posto di Muhammad Raghad.

LINK Jordan's King Abdullah II names prime minister to push through reforms

Al Palace Diwan di Doha, il principe ereditario del Qatar, ha ricevuto in udienza il Nobel per la pace Tawakul Karman.

13 ottobre 2011

L'erede del trono HH Sheikh Tamim Bin Hamad Al Thani si è congratulato con Karman per il Nobel per la pace e la Karman ha ringraziato l'erede del trono.
Inoltre Karman ha apprezzato il supporto del Qatar al popolo yemenita nella loro lotta per la libertà e la democrazia ed ha espresso la sua fiducia nel successo della rivoluzione.

Tawakkul Karman è una attivista per i diritti umani yemenita, fondatore nel 2005 del gruppo "Giornaliste Senza Catene", e un membro del partito politico islamico Al-Islah.

Nel 2011 ha ricevuto assieme alle liberiane Ellen Johnson Sirleaf e Leymah Gbowee, il Premio Nobel per la pace per la loro battaglia non violenta a favore della sicurezza delle donne e del loro diritto alla piena partecipazione nell'opera di costruzione della pace.

E' la prima donna araba e musulmana a ricevere questo premio, ed è uno dei più giovani Premio Nobel per la storia (32 anni).

LINK
the peninsula qatar


domenica, ottobre 16, 2011

Medaglia ufficiale per commemorare il 90° compleanno di Re Michele di Romania

Per commemorare il 90° compleanno del sovrano rumeno, che cade il 25 ottobre, le autorità rumene hanno realizzato una medaglia con la testa di Re Michele di Romania.


La Medaglia è stata presentata a Sua Maestà il 3 ottobre presso la Banca Nazionale della Romania dal Governatore della Banca Nazionale di Romania, Mugur Isarescu.

La Medaglia è stata realizzata dalla Banca Nazionale di Romania, per sottolineare il legame tra la sovranità e la valuta, in base all'articolo 88 della Costituzione del 1923, ed è stato emesso in nome del re.

Le ultime due monete con l'immagine di Sua Maestà sono stati emesse nel 1947, dal valori di 10.000 e 5 Lei [prima e dopo la stabilizzazione della moneta].

La Medaglia d'oro, sul fronte reca il profilo del Re e sul retro lo Stemma della Case Reale della Romania.

Per festeggiare il compleanno di Re Michele, il Governo rumeno, con 203 a favore, 3 voti contro e 46 astensioni, ha invitato Re Michele a partecipare a una solenne seduta del Parlamento.

Ricordo quello che disse il famoso attore Ion Caramitru :
Che cosa abbiamo ottenuto senza monarchia?

Ion Caramitru disse che il re Michael era l'unica personalità in grado di ripristinare la moralità nel paese e liberarci dalla la tossicità dei "comunisti voltagabbana" e degli ex agenti di polizia segreta che si sono arricchiti.

Regina Elisabetta II

Il primo ministro David Cameron ha presentato la proposta di riformare le leggi che regolano la successione al trono.

12 ottobre 2011

Secondo le leggi attualmente in vigore se il primo figlio dei duchi di Cambridge (William e Kate) fosse femmina e il loro secondogenito maschio sarebbe quest’ultimo ad ereditare il trono.

Cameron dice che è un’anomalia che nelle norme relative alle più alte cariche di Stato si continui a sancire la superiorità maschile mentre nella società abbiamo sostenuto l'uguaglianza tra uomini e donne.

L'idea di modernizzare la monarchia non finisce qui. Infatti il primo ministro propone anche l’abolizione del divieto ad un membro della Corona di sposare un cattolico, ed ha anche suggerito che solo i primi sei in linea di successione al trono debbano ottenere il permesso del sovrano regnante per sposarsi.

L'idea di cambiare le leggi che regolano la successione al trono era stata già sollevata dai governi precedenti, ma è sempre stata accantonata per la complessità.
La Gran Bretagna non può cambiare le regole da solo, ma deve essere d'accordo tutti gli altri regni di cui la regina è Elisabetta II.

Quindi adesso David Cameron dovrà ottenere il consenso degli Stati del Commonwealth per riformare la legge, definendo l'attuale sistema "un'anomalia che va contro le pari opportunità".

LINK
Queen backs plan to let daughter of Prince William and Kate Middleton to accede to the throne

Regina Maria Antonietta

La regina di Francia, Maria Antonietta, uccisa dai giacobini della rivoluzione francese.

16 ottobre 1793

La Regina fu imprigionata alla "Concergierie" e custodita in una cella buia, umida, e sorvegliata giorno e notte dalle guardie.
Il 12 ottobre al Tribunale Rivoluzionario la Regina subì un processo farsa, dove la sentenza di morte era già decisa prima di cominciare.
Il giorno precedente l’esecuzione, la Regina ricevette “l’assoluzione e la benedizione” dal curato imprigionato in una cella davanti alla sua.

Il 16 Ottobre 1793 Sua Maestà la Regina di Francia e Navarra, Maria Antonietta d'Asburgo Lorena, a bordo di una carretta sgangherata, fu condotta in Place du Carrousel, salì i gradini del patibolo con grande compostezza e regalità. e si fermò di fronte alla ghigliottina con le mani legate dietro la schiena.

Dopo aver ascoltato con grande dignità la sentenza che la condanna a morte, alle ore 12,15 la Regina, con una regale fierezza, attende l'esecuzione, muore e viene accolta da Dio.

La rivoluzione francese è il germe della instabilità patologica delle repubbliche e del declino della società moderna.

Tributo a Maria Antonietta, Regina di Francia


sabato, ottobre 15, 2011

La regina di Danimarca ha ricevuto il segretario generale delle Nazioni Unite.

11 ottobre 2011

A Palazzo Amalienborg di Copenhagen , la Regina di Danimarca ha ricevuto in udienza il Segretario generale dell'ONU Ban Ki-Moon.

Il principe ereditario Federico di Danimarca ha partecipato al Global Green Growth Forum (3GF) dove si sono incontrati più di 200 leader internazionali.

3GF è un luogo dove i leader economici di tutto il mondo sfidano il pensiero convenzionale per trovare nuove vie alla crescita della ecologia, e affrontano i settori dell'energia e dei trasporti.

In serata il principe ereditario ha ospitato a Palazzo Federico VIII (residenza del principe ereditario Frederik e della Principessa Mary) i partner che hanno partecipato al Forum.

LINK
globalgreengrowthforum

Il Re Tupou V di Tonga è a Los Angeles per effettuare delle visite mediche.

11 ottobre 2011

Nel mese di agosto di quest'anno il Re di Tonga aveva subito un intervento chirurgico all'Ospedale Cedars-Sinal di Los Angeles per rimuovere il suo rene destro, dove era stata rilevata la presenza di un tumore.
Dopo il recupero, il Re era tornato a Tonga il 10 settembre.

Un portavoce del Palazzo a Nuku'alofa ha detto che Sua Maestà Re George Tupou V di Tonga ora è a Los Angeles per farsi controllare dai medici.
Inoltre ha confermato che il re ritonerà a Tonga entro il 31 ottobre.

Fonte: Matangi Tonga
King returning to Tonga at end of October

venerdì, ottobre 14, 2011

Re Harald V

Re Harald e la Regina Sonia di Norvegia sono negli Stati Uniti in visita ufficiale di 10 giorni.


I Sovrani di Norvegia sono arrivati il 12 ottobre a St. Paul, nel Minnesota.
Durante il comitato ufficiale di benvenuto la coppia reale è stata accolta dall'ex vice presidente Walter Mondale, il governatore del Minnesota, Mark Dayton e dal sindaco della città, Chris Coleman.

Dopo l'occupazione della Norvegia nel 1940, sua madre accettò l'invito di Franklin Delano Roosevelt a rifugiarsi negli Stati Uniti, e Harald trascorse diverse settimane alla Casa Bianca, mentre suo padre e il nonno si rifugiarono a Londra.

Probabilmente Re Harald è il l'unico sovrano al mondo che ha vissuto alla Casa Bianca.
Durante la seconda guerra mondiale Re Harald visse diversi anni negli Stati Uniti e per questo motivo considera gli States come la seconda patria ed ha più volte visitato il paese.


Il giorno successivo Re Harald e la regina Sonia di Norvegia hanno visitato il Collegio Luther a Iowa, e il punto culminante della cerimonia è stato il discorso di Sua Maestà Re Harald davanti a centinaia di studenti e docenti.

In seguito Re Harald e la regina Sonja hanno visitato il Museo norvegese-americano Vesterheim.
galleria di foto Museo Vesterheim

giovedì, ottobre 13, 2011

Il re del Bhutan, Jigme Khesar Namgyel Wangchuck, si è sposato con Jetsun Pema, una donna di origini non nobili.

12 ottobre 2011


Il matrimonio era stato annunciato lo scorso maggio durante un discorso al Parlamento e si è svolto in uno dei più antichi monasteri-fortezza (Dzong) di Punaka, antica capitale del regno, e i festeggiamenti dureranno per tre giorni in tutto il Paese.

Il sovrano di 31 anni, chiamato anche dai giornali asiatici come il “principe azzurro dell’Himalaya”, ha scelto una cerimonia semplice senza teste coronate o personaggi famosi, celebrata in diretta televisiva con il rito tradizionale del buddismo Mahayana.

Il Re è entrato nel cortile del monastero indossando i simboli della monarchia: la fascia gialla e la corona detta del “corvo”.
Pochi minuti dopo fra il fragore di tamburi e il ronzio delle trombe dhung, è entrata la sposa vestita d’oro e accompagnata da una processione di monaci e sbandieratori con abiti rossi.

VIDEO


Come da tradizione il monaco anziano ha celebrato il rito purificazione della coppia davanti a un arazzo del 17mo secolo appartenuto al mitico re Zhabdrung, il monaco guerriero fondatore del Bhutan.

Re Jigme si è poi inginocchiato davanti a una enorme statua d'oro di Bhudda e ha posto la corona sul capo della consorte.

Il rito del matrimonio si è concluso con la cerimonia del saluto alle tombe degli antenati e con la consegna dei doni augurali da parte delle famiglie degli sposi e dei parenti.

mercoledì, ottobre 12, 2011

Re Harald e la regina Sonja, con il principe ereditario Haakon e la principessa Mette-Marit di Norvegia, hanno partecipato alla Conferenza "Energia per tutti: l'accesso ai finanziamenti per i paesi poveri".

10 ottobre 2011

Alla conferenza ad alto livello sull'accesso ai finanziamenti per l'energia dei paesi poveri in via di sviluppo erano presenti anche il segretario generale dell'ONU Ban Ki Moon ed il primo ministro della Norvegia Jens Stoltenberg.

L'obiettivo è di fornire energia a prezzi accessibili a circa 1,3 miliardi di persone nel mondo che ancora non hanno l'elettricità e ai 2,7 miliardi di persone senza combustibile per cucinare.

Link
oslo energy for all 2011


A Madrid la Famiglia Reale spagnola ha partecipato alle celebrazioni per la festa nazionale

12 ottobre 2011

La “Festa Nazionale Spagnola” è conosciuta anche come “giornata della hispanidad”, ed è il giorno dedicato alla commemorazione della scoperta dell'America da parte della Spagna.

Questo giorno è anche la giornata delle forze armate e quindi si è svolta una parata militare.
In seguito c'è stato un ricevimento al palazzo reale.

VIDEO
Los reyes llegan a la plaza de Neptuno desde donde presiden el desfile de las Fuerzas Armadas

martedì, ottobre 11, 2011

William e Catherine hanno visitato il Royal Marsden Hospital di Sutton per aprire un centro oncologico.

29 settembre 2011

Questo impegno è vicino al cuore del principe William, che segue le orme di sua madre Diana, tanto che SAR il Duca di Cambridge è stato il presidente della Royal Marsden dal maggio 2007.
Diana visitò il Royal Marsden nel 1982. L'ospedale è il primo al mondo dedicato alla cura del cancro e della ricerca.

Il duca e la duchessa di Cambridge hanno incontrato il personale medico, i pazienti e i loro genitori.

La coppia ha trascorso più di due ore all'ospedale prima di partire e William ha scoperto una targa in onore dell'apertura ufficiale ed ha detto:
"Questo posto è fonte di ispirazione. Voglio dire nel vero senso della parola. Mi ispira. Ogni volta che vado via dal Royal Marsden mi sento completamente sollevato. Catherine e io sentiremo questo sentimento oggi".



VIDEO


LINK
Duke and Duchess of Cambridge open Oak Centre for Children and Young People

La Regina di Spagna è andata a Miami (Florida) per aprire il centro culturale della cooperazione spagnola Iberoamericana.

9 ottobre 2011

Dopo il suo viaggio umanitaria ad Haiti, Sua Maestà la Regina Sofia di Spagna si è recata al Freedom Tower, dove al Dade College Miami ha incontrato più di 400 leader della comunità spagnola durante un ricevimento ospitato dal presidente del MDC, Dott. Eduardo J. Padrón .

La Regina ha voluto salutare personalmente ogni singolo ospite con grazia ed eleganza ed è rimasta durante tutto l'evento. Sofia è stata presentata e lodata dall'ambasciatore della Spagna negli Stati Uniti, Jorge Dezcallar.

La visita della Regina Sofia è stata particolarmente simbolica e commovente perché la Freedom Tower è un luogo prezioso per gli ispanici del sud della Florida, in particolare per le centinaia di migliaia di esuli cubani.

E' anche un monumento storico nazionale costruito in stile architettonico spagnolo, con elementi di design in prestito dalla famosa Torre Giralda di Siviglia, in Spagna.

LINK
Her Majesty Queen Sofia of Spain Visits the Freedom Tower at Miami Dade College

lunedì, ottobre 10, 2011

La Regina Sofia di Spagna è in visita di 3 giorni ad Haiti, per vedere come i progetti spagnoli aiutano il paese caraibico devastato dal terremoto del 2010.

7 ottobre 2011

La Regina di Spagna era arrivata all'aeroporto Toussaint Louverture accolta dal presidente Michel Martelly, che nel luglio scorso aveva ufficialmente visitato la Spagna, e più tardi ha ricevuto la colonia spagnola residente nel paese.

Da lì, la regina è stata ospite ad un ricevimento a Port-au-Prince, prima di partecipare a una cena in suo onore organizzata dal presidente Martelly.

In primo luogo, si è recata alla città di Titanyen per vedere la costruzione di un impianto di gestione dei rifiuti e dell'acqua .

Poi a Cité Soleil, ha incontrato le Suore della Carità, che hanno costruito un centro polifunzionale, dove aiutano i poveri.

In seguito, Sua Maestà la Regina Sofia di Spagna ha raggiunto Gressier per inaugurare la scuola salesiana costruita con i fondi delle Missioni Salesiane di Madrid e dell’Agenzia Spagnola di Cooperazione Internazionale per lo Sviluppo (AECID), grazie alla solidarietà del popolo spagnolo.

A Leogane, Sua Maestà ha controllato l'avanzamento dei lavori per la costruzione di 1.500 case gestiti dalla Croce Rossa di Haiti, in collaborazione con la Croce Rossa spagnola e la AECI.

Questa non è la prima volta che la regina Sofia si è recata ad Haiti per vedere gli aiuti dei spagnoli al paese, lo fece nel 2009.

Dopo questo viaggio, la Regina andrà a Miami negli Stati Uniti per inaugurare il Centro Culturale della Cooperazione spagnola.

LINK
reina-sofia-visita-haiti

domenica, ottobre 09, 2011

La situazione del nostro Paese peggiora sempre di più: l’Italia è declassata, non ci sono segnali di ripresa economica, aumentano gli sprechi ed il debito pubblico, aumenta la povertà tra gli italiani, tassati da uno stato ormai allo sbando.

L'aspetto più pesante, non è la crisi dell'economia, ma la profonda sfiducia nei confronti delle istituzioni che provoca la chiara percezione che il futuro sarà peggiore del presente.

La repubblica, oltre che aver causato la decadenza del Paese, si dimostra incapace di affrontare i problemi, le linee politiche sono contraddittorie e basate solo sui sacrifici degli italiani.

  • Ma come si possono accettare i sacrifici imposti dallo stato repubblicano se è lo stato la principale causa della crisi?
  • Ma perché accettare i sacrifici se non si intravedono gli obiettivi della linea politica?
  • Ma perché gli italiani devono stringere la cinghia se la classe politica continua a difendere i suoi privilegi?
Purtroppo ci si preoccupa di salvare l'euro invece del potere d'acquisto, si difende il globalismo invece della dignità del lavoro, oppure si discute sulla magistratura invece di preoccuparsi della Giustizia.
C'è una pericolosa ambiguità fra mezzi e fini, e la moneta, il globalismo e la magistratura sono dei mezzi non dei fini!

Nel frattempo i tagli ai vertiginosi costi della politica nazionale sono sempre formali o quasi impercettibili.

La Politica e lo Stato dovrebbero essere al servizio del "Bene Comune", una nozione evidente di per sé, poiché questo è il motivo che giustifica l’autorità specifica di tale azione.
Invece in questa repubblica si è sempre difeso il "Bene Comune" solo a parole, e di fatto si è sempre insegnato a pensare ai propri interessi, fino quasi a fregare il prossimo.

Per evitare il peggio, sempre più vicino, è indispensabile mandare a casa la classe politica, formare un nuovo Stato ed una nuova Costituzione.

L'Italia potrà risorgere solo abbandonando questa repubblica corrotta e incapace! 

Il principe Harry è arrivato in California per raggiungere Naval Air Facility El Centro, dove rimarrà per due mesi per completare la sua formazione da pilota di elicotteri Apache.

7 settembre 2011

Il famoso film di azione "Top Gun" fu girato proprio in questo luogo, e lì il principe imparerà a sparare missili, razzi e cannoni dagli elicotteri Apache, che sono utilizzati dalle forze britanniche in Afghanistan.

Il deserto californiano polveroso con temperature elevate, vicino al confine messicano, è il luogo ideale per imparare a combattere in Afghanistan.

Il terzo in linea di successione al trono aveva trascorso 10 settimane in Afghanistan dal dicembre 2007 al febbraio 2008, e questo potrebbe essere l'ultimo ostacolo per soddisfare il suo desiderio di tornare in prima linea in Afghanistan.
Tuttavia, tale decisione spetta al primo ministro.
Quando Harry andò in Afghanistan, ci fu un blackout mediatico sul suo impiego fino a quando i giornali pubblicarono la notizia.

LINK
Pilot Prince Harry to train in El Centro, California

venerdì, ottobre 07, 2011

La principessa ereditaria dei Paesi Bassi Maxima ha inaugurato al Vittoriano di Roma la mostra del pittore olandese Piet Mondrian.

6 ottobre 2011

Ad accogliere la principessa Maxima al Vittoriano per la inaugurazione della mostra, c'erano la presidente della Regione Lazio, Renata Polverini, il sottosegretario ai Beni e le Attività Culturali Francesco Giro, l'assessore alle Politiche Culturali di Roma Capitale, Dino Gasperini.

La principessa era accompagnata dall'ambasciatore dei Paesi Bassi in Italia, Alphonsus Stoelinga.

La mostra "armonia perfetta"', sarà aperta al pubblico dall'8 ottobre 2011 al 29 gennaio 2012, che comprende 70 opere del pittore olandese Piet Mondrian.

L'artista trovava l'armonia perfetta nell'astrattismo e la riproduceva nei suoi capolavori: un insieme di linee rette e rettangoli, dove i colori predominanti grigio e bianco sono a volte intervallati da colori più accesi come il rosso, il giallo e il blu.

Il principe ereditario del Brunei ha incontrato Hillary Clinton e ha partecipato all'Assemblea dell'ONU.

28 settembre 2011

All'Hotel Waldorf Astoria di New York, il principe ereditario del Brunei, Haji Al-Muhtadee Billah, ha avuto un colloquio con il Segretario di Stato degli Stati Uniti Hillary Clinton.

Il figlio del Sultano del Brunei si era recato a New York per partecipare alla 66° sessione dell'Assemblea generale delle Nazioni Unite, ed ha parlato con il Segretario generale dell'ONU Ban Ki-moon.

LINK Crown Prince meets with Hillary Clinton and Ban Ki-moon

giovedì, ottobre 06, 2011

SAR la Principessa Maxima dei Paesi Bassi era a Riviera Maya, in Messico, per partecipare al Forum 2011 del G20 Global Partnership for Financial Inclusion (GPFI)

30 settembre 2011

Nel suo ruolo di ambasciatore delle Nazioni Unite per il microcredito, Principessa Maxima ha partecipato a questo importante appuntamento per discutere di micro-finanza.

Il messaggio chiave della Principessa Maxima al forum è stato che non ci sono trade-off tra inclusione e stabilità finanziaria, in quanto questi due elementi si rafforzano reciprocamente.

SAR la Principessa Maxima ha inoltre incoraggiato i membri a continuare ad accelerare gli sforzi nazionale, nonché a contribuire agli sforzi globali.

LINK
H.R.H. Princess Máxima highlights the complementarity of inclusion and stability at 2011 GPF


Il re e la Regina di Svezia si sono recati in Arabia Saudita

27-30-settembre-2011

A Jeddah sono stati accolti dal principe Faisal, dalla principessa Adala, e dall'ambasciatore della Svezia in Arabia Saudita Dag Juhlin-Dannfelt .

La coppia reale svedese ha partecipato all'Assemblea Mondiale degli Scout a Jeddah, in Arabia Saudita.

il Re e la Regina hanno incontrato i rappresentanti delle maggiori organizzazioni scout, ed il tema dell'incontro era "Messaggeri della Pace".

La coppia reale svedese ha poi incontrato il re Abdullah , e nella sua veste di presidente onorario della World Scout Foundation, il Re di Svezia ha conferito a Re Abdullah una medaglia di bronzo del Lupo, che dal 1937 è il riconoscimento con il quale il Comitato Scout Mondiale premia chi ha meglio servito il Movimento Scout Mondiale.
Re Abdullah ha espresso il suo apprezzamento, e poi le due parti hanno discusso sulle possibilità di migliorare le relazioni bilaterali.

LINK
Il Re e la Regina visita in Arabia Saudita

mercoledì, ottobre 05, 2011

A Copenaghen, la Famiglia Reale danese ha partecipato all'apertura del parlamento (Folketinget) .

4 ottobre 2011

Sua Maestà la Regina Margherita, SAR il Principe Henrik, il principe ereditario Federico e la Principessa Maria, il principe Joachim e la principessa Marie, e la Principessa Benedikte si sono seduti nel balcone della sala , dove hanno una visione d'insieme del parlamento, e il nuovo Primo Ministro, Helle Thorning-Schmidt, ha fatto il suo discorso.

LINK
In questo Video potete vedere l'arrivo dei reali al Palazzo Christiansborg .

martedì, ottobre 04, 2011

Re Harald e la regina Sonja di Norvegia, insieme al principe ereditario Haakon di Norvegia, hanno partecipato all'inaugurazione del 156° parlamento norvegese (Stortinget) ad Oslo.

3 ottobre 2011

Il Re ha fatto il suo discorso in piedi davanti al trono, ed ha cominciato parlando dell'orribile tragedia di Utøya dicendo di essere orgoglioso della risposta del paese:
"Il popolo norvegese ha risposto difendendo la democrazia. Oltre al dolore è cresciuto un forte desiderio di unità popolare, trasparenza e partecipazione ". 


"Un intero mondo ha avuto compassione per le persone colpite. Tutto il mondo ha espresso l'ammirazione per la dignità del popolo norvegese di fronte agli atti terroristici ". 

Il Discorso del Re è scritto dal governo che definisce la linea politica del governo nel prossimo anno. 

Successivamente il ministro più giovane legge un discorso su quanto è stato fatto durante l'anno passato, e infine, il presidente del Parlamento fa un breve discorso.

L'apertura del Parlamento è l'unica volta che è consentito  al Re di essere presente nel Palazzo del Parlamento, in quanto per la Costituzione non può esserci un dibattito parlamentare in presenza del sovrano.

Quest'anno però c'è stata un'eccezione in quanto il re e il principe ereditario erano presenti alla commemorazione tenuta alla Camera del Parlamento a seguito degli attacchi terroristici del 22 luglio.

LINK
Discorso del Re

lunedì, ottobre 03, 2011

SAS il Principe Alberto II di Monaco è andato a Baden-Baden, in Germania, per festeggiare il 30° anniversario del Congresso Olimpico.

28 settembre 2011

Nel pomeriggio, il principe insieme ad altri importanti membri del Comitato Olimpico Internazionale (CIO), ha partecipato alla tavola rotonda Olympischer Deutscher Sport Bund (dosb).

Il principe Alberto di Monaco è membro del CIO dal 1985.

Dal 1997 Baden-Baden è una città olimpica. Con questo titolo Baden-Baden è stata onorata dal Comitato Olimpico Internazionale.

LINK
CIO

domenica, ottobre 02, 2011

Nascita di Re Carlo Alberto di Savoia

2 ottobre

Carlo Alberto Amedeo di Savoia, detto "il Magnanimo", nacque a Palazzo Carignano a Torino, il 2 ottobre 1798 e morì ad Oporto, il 28 luglio 1849.

Nato come conte di Barge, e settimo Principe di Carignano, divenne Re di Sardegna alla morte di Carlo Felice il 27 aprile 1831 fino al 1849.

Re Carlo Alberto è legato indelebilmente alla promulgazione dello Statuto fondamentale della Monarchia di Savoia avvenuta il 4 marzo 1848 - noto, come Statuto Albertino - che rese il Regno di Sardegna, prima, e l'Italia, poi, una Monarchia costituzionale.

Il 13 ottobre 1849 arrivò a Torino dove si svolse il funerale e dove fu omaggiato dal popolo nel suo viaggio verso l'ultima dimora. Oggi riposa nella cripta della basilica di Superga dove fu seppellito il giorno seguente, ultimo fra i sovrani regnanti ad essere sepolto qui.

Per cercare di favorire la ripresa, ieri il presidente della repubblica giorgio napolitano ha fatto un nuovo appello alla coesione nazionale, ed ha detto :

«L'Italia non crescerà se non tutta insieme, dal Nord al Sud, se non metterà a frutto le risorse e le potenzialità della nostra gente».

Innanzitutto l'appello all'Unità Nazionale è una cosa ovvia, solo un paese unito può trovare la forza per superare i problemi.

Napolitano non può dire la verità quando va contro la repubblica da lui difesa per ufficio, ma la profonda crisi del nostro Paese è stata anche, e soprattutto, creata dalla repubblica che per clientelismo ha alimentato il debito pubblico e favorito la corruzione.

Io ho l'impressione che le vere intenzioni di Napolitano non sono quelle di difendere il Paese - d'altronde c'è qualcosa che non funziona quando l'Unità Nazionale è difesa da un politico comunista che anni fa sosteneva l'invasione dei carrarmati sovietici in ungheria - piuttosto direi che vuole aiutare la sinistra a far cadere il governo berlusconi.

Assistendo allo scontro politico tra napolitano e berlusconi (ma napolitano non era il superpartes?!), aspettiamo la fine che si merita questa repubblica e gridiamo :
W l'Unità Nazionale e quindi
W la Monarchia che ha unito l'Italia !!

sabato, ottobre 01, 2011

La bandiera del Regno di Libia alle Nazioni Unite.

21 settembre 2011


All'Onu la bandiera della nuova Libia... di euronews-it

Si è svolta la cerimonia di cambio della bandiera del Regno di Libia alle Nazioni Unite.

La bandiera libica, rossa nera e verde, emblema della monarchia, ed utilizzata dai rivoluzionari che combattono contro la repubblica di Gheddafi, è stata piazzata dietro alla tribuna della sala dell'ONU dove si è svolta la riunione, sotto gli applausi dei partecipanti.

La bandiera della monarchia di Re Idris era stata issata per la prima volta lunedì davanti all'edificio delle Nazioni Unite a New York.


Related Posts with Thumbnails